logo
english italiano


Per la diagnosi e la cura dentale lo Studio Bellinvia utilizza moderne apparecchiature:

Laser: si utilizza in un ampio spettro di applicazioni, che vanno dallo sbiancamento professionale a diverse indicazioni in parodontologia, procedure restaurative, endodonzia, terapia perimplantare, conservativa e tecniche chirurgiche, e permette di semplificare le procedure chirurgiche in modo delicato, efficace, e non doloroso.
Lo studio è dotato del GENTLEray 980 Premium ®- Soft Tissue Diode Laser, caratterizzato da ampia versatilità d’uso, efficacia costante per una massima efficienza di taglio anche a bassi livelli di potenza, garantito dal sistema “Burst mode” ( per un apporto di calore ai tessuti decisamente ridotto) .

32
Laser a diodi - GENTLEray 980 Premium ® - Soft Tissue Diode Laser
Caratteristiche del laser a diodi:
- Elevata precisione negli interventi chirurgici e nella gestione dei tessuti molli

- Minimo sanguinamento, quindi migliore visibilità del sito d’intervento

- Ridotta formazione di cicatrici

- Dolore alla ferita postoperatorio praticamente assente, nessun gonfiore

- Decontaminazione del tessuto irradiato

- Protezione efficace dalla infezioni


isq

52
Spettrofotometro dentale : è uno strumento basato sull’emissione di luce polarizzata che è in grado di valutare scientificamente i valori esatti di luminosità, croma e tinta del dente fornendo una mappatura completa e affidabile di tutta la superficie dentale. Il medico sarà quindi in grado di dare informazioni di estrema precisione al tecnico che dovrà eseguire il manufatto protesico. Lo spettofotomentro SpectroShade ® è uno strumento diagnostico assolutamente non invasivo e per nulla doloroso. Il paziente deve solo aprire il più possibile la bocca mentre il medico appoggia delicatamente lo strumento sul dente.
- Rileva il colore dei denti anteriori.

- Indica e confronta il colore del dente con tutte le scale colori del mercato.

- Visualizza le aree di colore sia in visione globale che in zone specifiche: terzo cervicale, terzo medio e terzo incisale.

- Esegue un’analisi particolareggiata in ogni zona del dente grazie ad oltre 2.000.000 di punti di lettura.

- Fornisce informazioni utili al medico nei restauri conservativi.

- Strumento ideale nella comunicazione “studio-laboratorio” poiché fornisce all’odontotecnico le informazioni per la realizzazione del manufatto protesico.

- Indica le aree di trasparenza, traslucenza e la distribuzione del valore.

- Consente al tecnico la verifica extra orale del manufatto protesico, grazie all’apposito simulatore di bocca.

- Confronta il risultato pre e post trattamento di sbiancamento.


macchina
WELDONE UNIT ( DENTSPLY IMPLANTS) è una modernissima saldatrice endorale della Dentsply ® che si utilizza nella implantologia a carico immediato. La weldone unit, dopo aver inserito gli impianti necessari, permette al medico di solidarizzazione degli stessi mediante il posizionamento intraorale di una barra di titanio. La barra viene saldata agli impianti garantendo una struttura protesica molto stabile. Si procede quindi alla cementazione del provvisorio fisso preparato in precedenza. Dopo un breve intervento, quindi, il paziente può riprendere la normale funzionalità masticatoria e estetica, il tutto in assenza di ematomi, dolori e gonfiori.


7
Zona sterilizzazione con autoclavi e imbustatrice

Autoclave è l’apparecchio che permette di sterilizzare tutti gli strumenti che vengono a contatto con la bocca del paziente. L’autoclave dello Studio Bellinvia è di eccellente qualità.( Europa B Tecno-gaz). I cicli di sterilizzazione sono documentati dalla stampa di un contrassegno che attesta l’effettiva esecuzione della sterilizzazione ad operazione conclusa.

Imbustatrice serve ad imbustare gli strumenti prima del ciclo in autoclave : in tal modo si riesce a garantire ulteriormente la sterilità dello strumento a ciclo di sterilizzazione avvenuto. Lo strumento viene estratto dalla sua busta solo davanti ad ogni paziente a tutto vantaggio della sicurezza e della massima igiene.


9
8
Pedana posturale computerizzata POSTURE 2000 ® : è una pedana posturale e stabilometrica, corredata di un software per pc, che consente di registrare le variazioni della proiezione del baricentro del soggetto in condizioni statiche (in piedi e in posizione di riposo) e quindi di valutare l’equilibrio ortostatico del paziente. In più questa pedana, che è dotata di sei celle di carico, oltre al normale esame statico, diversamente alla maggior parte delle pedane stabilometriche in commercio, POSTURE2000 ha un meccanismo vibrante consente la registrazione anche dinamica. Il medico ha a disposizione uno strumento scientifico e preciso col quale analizzare e interpretare al meglio le cause delle patologie dentali alla base delle malocclusioni e dei problemi posturali.


La radiografia digitale: presso lo Studio Bellinvia è possibile effettuare radiografie a bassa emissione e ad alta definizione. Grazie ad un sensore collegato al computer, visualizzare l'immagine radiografica in tempo reale sullo schermo.


Software gestionale: la gestione dello studio è completamente informatizzata. Agenda, annotazioni,cartelle cliniche dei pazienti, radiografie,riprese intraorali, sono tutti gestiti da computer. Ogni dato è archiviato e rintracciabile in pochi secondi. Sulla poltrona ergonomica è installato un monitor che permette di spiegare al paziente, direttamente ed in maniera chiara ed esaustiva, le terapie proposte dal medico e l’iter del piano terapeutico. Il paziente potrà visionare tutti i trattamenti effettuati, visualizzare radiografie, fotografie o animazioni e commentarle “in diretta”, chiedendo al suo medico le delucidazioni del caso.


La telecamera intraorale è un dispositivo ottico ad uso odontoiatrico, che consente al medico di riprendere mediante fotografie o filmati l'interno della cavità orale e di visualizzarlo su un monitor esterno dove, l’immagine originale viene ingrandita notevolmente (nell’ordine di 40-60 volte). Tale strumento facilita le diagnosi, permette di raccogliere e storicizzare le informazioni via via che avanza il piano terapeutico, ma soprattutto garantisce una migliore comunicazione tra medico e paziente, dato che è più agevole fornire a quest’ultimo la spiegazione degli interventi da effettuare (ottenendo al contempo pareri del paziente sulle diverse opzioni di trattamento). Immagini chiare, nitide e notevolmente ingrandite, facilitano così la comprensione da parte del paziente delle terapie che il medico propone, rendendolo consapevole del proprio stato di salute dentale.