logo
english italiano


Sbiancamento Estetico

trio_sbiancamento

Lo sbiancamento dentale è una pratica che mira a risolvere i problemi di discromia, dovuti a cibi e bevande quali caffè, thè, cola, carciofi, liquirizia, spezie, fumo, abuso di clorexidina, medicinali quali tetracicline.
Le sostanze chimiche maggiormente usate per lo sbiancamento sono il perossido di carbamide o il perossido di idrogeno (H2O2), che applicati sui denti ed agendo chimicamente li rendono di una tonalità più chiara, donando loro una maggiore lucentezza.

Questo procedimento non lede la superficie dello smalto. Non è comunque mai consigliabile affidarsi al fai-da-te con l’uso di prodotti e gel sbiancanti, ma è sempre raccomandato rivolgersi alle mani esperte del dentista.

Prima di iniziare il trattamento bisogna studiare bene il caso per ottenere risultati ottimali, effettuando un’indagine sullo stato di salute della bocca e dei denti, per accertarsi che non vi sia presenza di carie, lesioni alle gengive o di forti sensibilità.
Nel caso di processi infiammatori, sarà opportuno effettuare prima le cure del caso.

Particolare importanza ha l’individuazione del colore iniziale per valutare precisamente quali risultati si possono ottenere.
La combinazione di ambedue le metodiche possibili (sbiancamento professionale in studio e domiciliare) garantisce un risultato migliore e più duraturo nel tempo.

READ MORE

 

 

sbiancamento
sbiancamento-2